15 aprile 2009

Non corrisponde all'immagine

Ierisera come quasi ogni sera ero a consegnare le pizze per RapidoPizza. L'ultima consegna l'ho fatta in via Stupinigi, erano due pizze, una Pizza Rubizza e una Pizza Italia. Ho suonato al citofono, mi hanno aperto, sono salito al secondo piano. In fondo a una specie di corridoio, davanti alla porta di casa spalancata, mi aspettava un tizio rettangolare, con i capelli che sembravano trucioli di ottone e una smanicata con su scritto SexyBoy.
- Le pizze - ho detto semplicemente. Jimmy Bandini è uno semplice.
- Mava'- ha detto il rettangolo, ghignando.
- Giaggià - ho detto io. Perché questo lavoro è un gioco di nervi.
Lui, sempre sulla soglia, ha aperto i cartoni delle pizze e ha sbirciato dentro.
- Non corrispondono - ha detto.
- Una Rubizza e un'Italia, conferma?
- La accendiamo - ha detto, righignando.
- Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah - ho riso io, esagerando.
- Sì, ma non corrispondono, non corrispondo alla brosciùr.
- Che brosciùr.
- La brosciùr RapidoPizza. La vostra brosciùr.
Io ho sbattuto gli occhi. Il rettangolo allora è sparito un attimo dentro il suo appartamento, da cui uscivano voci televisive, catodiche. Il rettangolo è tornato con un dépliant di RapidoPizza.
- Ecco, guarda - mi ha detto, indicando sul dépliant le foto dai colori saturi delle pizze da lui ordinate. È stata un'idea di Mario, il titolare, di fare questi cazzo di dépliant con le foto delle pizze sul menu.
- Embè? - ho detto io.
- Ti sembrano uguali? Qua c'è più pomodoro, sono più belle, più ricche, quelle che mi hai portato sono sbruciacchiate, smorte, poco condite.
- Ma cristo di un dio - ho sbottato io, allora - cristissimo di un diissimo.
Il rettangolo ha alzato un sopracciglio, ha fatto un passo indietro.
- Voi e le vostre manie. Voi e le vostre fissazioni. Voi e le vostre cazzo di pizze. Pizze, pizze, pizze. Sempre a ordinare le pizze, e poi che pizze? Pizze che si chiamano Pizza Italia. Poi lamentiamoci dei cliché, dei luoghi comuni sugli italiani. Massì, continuiamo a mangiare pizze. E il mandolino ce l'ha? Eh? Il mandolino? Ce l'avrà da qualche parte in casa no? Magari accanto al soprammobile della gondola di Venezia, sì? E mi dica, cosa stava guardando in tv? Don Matteo 7? Il maresciallo Sbrocca? Distretto di Polizia 35? Un medico in famiglia 147? Eh? Eh? Eh? Eh? Eh? Eh? Eh?
Alla fine non mi ha dato nessuna mancia. Tipico italiano. Ma io ho chiuso con questo lavoro, pensavo tornando a casa sullo scooter. Non corrisponde alla brosciùr. Non corrisponde alla brosciùr. A un certo punto, dopo una curva, si è materializzato alla mia sinistra un grosso manifesto elettorale. C'era la faccia di un candidato sindaco di cui non ricordo il nome. Il candidato sindaco sorrideva su uno sfondo arancione fosforescente, un colore che nella realtà fisica della materia non esiste. Sopra la sua testa c'era scritto: IL SINDACO DI TUTTI. In basso a destra, c'era una scritta minuscola, illeggibile. Sono sceso dallo scooter e mi sono avvicinato. Era una scritta davvero minuscola, sono riuscito a leggerla solo quando sono arrivato con la faccia a un palmo dal manifesto. C'era scritto: L'immagine ha il solo scopo di mostrare il prodotto.

14 commenti:

geisha666 ha detto...

dalle pizze alla politica...mica cambiano poi tanto le cose!!!!........spesso la politica attuata non corrisponde alla brosciùr iniziale.............
La scritta IL SINDACO DI TUTTI è alla fin fine ancora più surreale di quell'arancione fosforescente.... che non esiste nella fisica...
...si è mai visto un politico per tutti?!?

koohuku ha detto...

Cerchio enorme sul campanello dello stronzo!!

inventatore ha detto...

Bandini io la voterei anche domani.

peppermind ha detto...

Ghigno quasi come il rettangolo.
Se mi avesse investito con quel panegirico A ME, io le avrei offerto una pizza, quella Italia per l'esattezza.

Stefania ha detto...

Un giorno di ordinaria follia....

scrittiapocrifi ha detto...

Purtroppo non potrei mai fare per mestiere quello di consegnare pizze. Rischierei continuamente di perdere il lavoro per aver mandato al traumatologico qualche cliente.

cletus ha detto...

sarebbe da ammazzare quello che ha inventato il concetto di "disclaimers": e nella fattispecie l'estensore della allocuzione "i colori riportati nelle immagini, trattandosi di elementi naturali, possono, per la loro natura intrinseca, non corrispondere alla realtà".

Ecco, è una vita che mi spendo in giornate che possono "non corrispondere alla realtà".

cletus ha detto...

totalmente "IN TOPIC" e fresca fresca di giornata:

http://www.corriere.it/cronache/09_aprile_16/pizzo_qualita_youtube_c0c1b876-2a85-11de-a92d-00144f02aabc.shtml

Bandini ha detto...

Caro Cletus, il problema è la realtà. Questa sua inspiegabile ostinazione a non corrispondere alle immagini photoshoppate.

ossimorosa ha detto...

Bandini, ha anche il mio voto.

(s.) ha detto...

ieri sera ho preso il vasetto di maionese e per la prima volta ho notato la scritta “l’immagine ha il solo scopo di mostrare il prodotto”. e ho pensato, uh, bandini. poi però ho cercato l’immagine che doveva mostrare il prodotto, e non c’era. non c’era assolutamente nessuna immagine, su quel vasetto. e mi sono chiesta, chissà che avrebbe scritto bandini, su questa cosa della scritta dell’immagine senza immagine. io, niente. ho solo messo via la maionese.

amelia ha detto...

mangerò la broscìur, ritaglierò le pizze, i quattro salti in padella e la coca cola. e poi le mangerò.
voterò solo sindaci fotoscioppati.

non c'è alcuna differenza.

amelia

Anonimo ha detto...

Io nella società dell'immagine sono venuto tutto mosso. :(
Gibbone

Anonimo ha detto...

...mi sa che indipendentemente dal mestiere che fai, ti imbatti costantemente in una marea di coglionazzi !