9 gennaio 2010

Sapessi

Io non capisco questa voglia sempre di provocare che ha Lacazza, il pizzaiolo di Rapidopizza. Riesce sempre a mettermi di malumore. Io ogni volta arrivo lastricato di buone intenzioni dalla testa ai piedi, e lui butta tutte le piastrelle delle mie buone intenzioni all'aria. Tipo ieri pomeriggio, arrivo in pizzeria salutando tutti con la massima cordialità possibile, e lui subito mi stoppa dall'altra parte del bancone e mi fa:
- Cosa cristo è quella roba, Bandini.
- È il mio casco, Lacazza.
- Non quello che hai in mano. Quella roba che hai addosso, perdio.
Ho capito subito che si riferiva alla gonna a fiori che indossavo. Embè? Siccome non avevo un paio di jeans puliti da infilare, ho frugato nel guardaroba di Armenia e ho trovato questa sua vecchia gonna che mi andava a pennello. A casa mi metto spesso le sue gonne, sono molto comode anche per andare a pisciare, soprattutto se non si mettono le mutande, basta tirarsi su la gonna e oplà. Anche a grattarsi il culo c'è molta più soddisfazione. Mi piace stare comodo, in casa. E insomma non avevo pantaloni puliti e sono uscito di casa con la gonna di Armenia, lei non c'era ma sono sicuro che non avrebbe avuto niente da dire, ma ovviamente non avevo calcolato il fattore Lacazza, il maledetto cacacazzo Lacazza.
- È una gonna della mia ragazza, embè? - gli ho risposto.
Lacazza ha mosso le labbra ma non è riuscito ad articolare neanche una sillaba per quasi dieci secondi, era come se gli venivano da dire dieci cose insieme e non sapesse decidersi. Poi alla fine si è deciso.
- Ma cristodiddio. Che problemi hai, vorrei sapere.
- Nessun problema. Sto da dio.
- Sei davvero delizioso, sì.
- Risparmiami il tuo sarcasmo da pizzaiolo. Questa gonna è comodissima e non hai idea del senso di libertà che si prova. Se solo potessi per un attimo uscire dalla tua mente grezza e ampliare i tuoi orizzonti, allora proveresti anche tu.
- Ma almeno qualcosa di più sobrio. A fiori, cazzo. Sei un uomo schifoso.
- Sei solo invidioso.
E insomma, pensavo che fosse finita lì. Stamattina rivado in pizzeria, sempre con la gonna a fiori, e pensavo che Lacazza stavolta mi avrebbe lasciato in pace. Invece appena arrivo mi fa cenno di avvicinarmi.
- Che c'è, stavolta? - faccio io, irritato.
Mi fa segno di passare dietro al bancone. Indossava una gonna a scacchi plissettata.
- Che te ne pare, frocetto? - mi fa, facendo una piroetta.
- Ehi. Dove te la sei procurata?
- Sapessi.
- Sinceramente. Non me l'aspettavo.
- Mi secca, ma devo darti ragione. Con la gonna non mi sudano più le palle. Semmai fa un po' freschino. Ma tu come fai ad andare in motorino con quella? Con 'sto freddo?
- Sei veramente un pivello, Lacazza - ho detto, e tirando su la mia gonna gli ho mostrato i miei collant.
- Ma che cazzo succede qua.
Ci siamo voltati, era Mario, il titolare.
- Cosa siete, due troie? Vi pare il modo di venire al lavoro? Cosa cazzo vi è saltato in testa?
- È un'idea sua, capo – ha detto subito Lacazza, indicando me, – e comunque, capo, dovresti uscire dalla tua grettezza mentale – ha aggiunto, le mani ai fianchi, la gonna fino alle ginocchia.
Prima che Mario ribattesse, mi sono precipitato fuori a consegnare le pizze. Io lo lascio questo lavoro di merda, ho pensato mentre sfrecciavo in motorino e il vento spampanava la mia gonna a fiori.

12 commenti:

cletus ha detto...

cazzo di collante usi Bandini ?
(per le piastrelle di buone intenzioni).

Ultima domanda: si alzano più mance andando a consegnar pizze addobbati in quel modo ?

Piero Marrazzo ha detto...

ehi, questo blog mi piace un casino !!!

Luca ha detto...

Questo mi ha fatto ricordare delle tue storie...

http://www.youtube.com/watch?v=v5M0VuSZ9aw

al3sim ha detto...

Ah ah ah! (ovvero una sana risata)

harvey ha detto...

ora anche il maschilista lacazza, per colpa tua, passa dall'altra parte. ah, non si sono più i maschilisti di una volta.

peppermind ha detto...

Sempre sostenuto che con le gonne si sta meglio.
Comunque molto ridere, molto onore.

Bandini ha detto...

> Cletus
non uso collante, uso collant!
> Luca
Grazie per la segnalazione, non lo conoscevo. Lo farò vedere a Eugenia.
> Harvey
non sarei troppo ottimista su Lacazza.
> Pepper,
che mi dici degli autoreggenti? Non li ho mai provati.

elle ha detto...

uno sprazzo di luce e un sorriso in questo lunedì (con il sole) ma tedioso... ti bacio Bandini

ossimorosa ha detto...

Le autoreggenti non sono comode, il mega elastico blocca la circolazione da mezza coscia in giù.
Piuttosto proverei il reggicalze.

Dott. Clayton Sugar ha detto...

Il fattore Lacazza.

AHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHA

Bandini ha detto...

>Ossimorosa

Lacazza ringrazia per il consiglio!

Jo ha detto...

Lacazza ha mosso le labbra ma non è riuscito ad articolare neanche una sillaba per quasi dieci secondi, era come se gli venivano da dire dieci cose insieme e non sapesse decidersi. Poi alla fine si è deciso.

:'D

Jo